Riforma dello Statuto

Cinque stelle accecanti

Sulla Riforma dello Statuto critiche, osservazioni, correzioni, in buon numero e di grande ragionevolezza saranno apportate da Milano e dalla Lombardia nei modi e tempi più opportuni e comunque possibili.

Il sistema di potere è autoperpentuantesi: il gruppo di “empamisti” in poltrona ha il sistema “magico” del rielezionismo proprio dei governi dell’America Latina. Il Gruppo di Potere ha mezzi sicuri per convincere gli elettori, cioè i Presidenti di Ordine, come, ad esempio, la distribuzione di poltroncine, sedie e sgabelli con corredo di gettoni, medaglie e benefici vari, tutti legali, tutti provenienti dalla ricca dotazione di capitali dell’Ente. Il concetto di servizio è estraneo agli empamisti: ogni più piccolo movimento delle mani o comunque del corpo, deve essere signorilmente remunerato: tanto i medici italiani sono costretti per legge a pagare!

  • Così si appesantiscono consigli e commissioni con perfetta blindatura perché le elezioni non sono a sistema proporzionale con liste contrapposte come vorrebbe una sana democrazia dove una maggioranza governa e una minoranza controlla. Viene vantato un alleggerimento burocratico, per la soppressione dell’esecutivo, ma in compenso a prendere decisioni sarà ogni volta l’intero CDA, quindi con maggiori costi.
    In tema di burocrazia sanitaria soffocante i medici dovranno solo tacere non solo perché, esempio unico al mondo, tengono in vita 2 sistemi previdenziali obbligatori - ENPAM e ONAOSI –, ma anche per la gran quantità di gente coinvolta nella direzione, amministrazione, gestione dei loro stessi, ripeto obbligatori, sistemi previdenziali.
  • Di esigenze congiunturali di risparmio non se ne fanno mai previsioni, nonostante 3 leggi negli ultimi 3 anni diano un caldo invito, purtroppo senza prevedere sanzioni.
  • Sugli investimenti mobiliari si lascia campo libero alle più spericolate speculazioni anziché obbligare il CdA a tenere solo titoli sicuri e garantiti.
  • La gerontocrazia insaziabile dominerà sempre imperturbabile con consiglieri anche ultrasettantenni che possono venire in CdA anche con la badante!
  • I mandati possono essere solo 2 ma con la clausola che dopo un passaggio, verosimilmente in qualche commissione, gli empamisti possono farne altri 2 e così via fino a che una indagine della magistratura non li obblighi al ritiro come nell’ultimo mezzo secolo è avvenuto per Di Lorenzo e Parodi prima osannati, poi deprecati.

Abbiamo visto 5 stelle nel Paradiso perduto dell’ENPAM ma chiediamo la collaborazione di quanti hanno la vista buona per mettere a panorama tutto il ricco firmamento.

Guido Caprio

Milano, 14 marzo 2014