Aggiornamento

ENPAM e SOPAF - FIP: vogliamo sapere tutto...

Egregi Colleghi,
l' affare SOPAF FIP deve essere chiarito in modo completo.
Il servizio di Report ha svelato un mondo dal quale l' ENPAM deve distaccarsi completamente.
L'audizione del Presidente Oliveti in Commissione Parlamentare su questo fronte è stata nettamente insufficiente...
Col vostro aiuto non voglio accettare l' ingarbugliata risposta del Presidente ENPAM Alberto Oliveti sullo specifico punto della vicenda SOPAF - FIP.
L'audizione davanti alla Commissione Parlamentare era stata anticipata dal Presidente Di Gioia per “conoscere in modo dettagliato” e “per chiarire in modo molto, molto puntuale tutto quello che è accaduto”.
Oliveti ha risposto iniziando con “vi dico quello che ho letto sui giornali.....”, precisando poi che la prima tranche di quote FIP è stata acquistata con sconto 3,5% sul NAV con due diligence effettuata da parte della REAG.
Ingarbugliandosi però sul punto fondamentale, cioè “ a quanto hanno acquistato, e noi non siamo tenuti a sapere, ma a quanto, noi abbiamo acquistato però a sconto NAV, da questo punto di vista...”
E' invece il senatore Gasparri, che ha appena presentato una interrogazione parlamentare ai Ministeri vigilanti sul caso SOPAF FIP- ENPAM -INPGI che riporta il dato più importante:
“se corrisponda al vero che la Investire Sgr Immobiliare SpA (società di gestione del Fondo immobiliare pubblico), comunicò il 27 febbraio 2009 un prezzo per quota pari a 138.552,563 euro, di gran lunga superiore al valore di mercato indicato da Bloomberg (uno dei due indici presi come riferimento dagli operatori) e che il 12 marzo 2009, data di perfezionamento delle quote Fip da parte dell'Inpgi e Enpam, era di 85.174,38 euro, quindi inferiore di ben oltre 53.000 euro a quota;
Capiamo così i motivi per cui il pm di Milano Gaetano Ruta, scrive che le operazioni effettuate da Sopaf con Enpam e Inpgi sono “del tutto anti-economiche per questi enti, considerato che hanno consentito un margine di profitto elevato alle società degli indagati, privo di qualsiasi giustificazioni, sulla base di una triangolazione di cui non si comprendono le ragioni negoziali.”
“le compravendite in questione, stante il lasso di tempo trascorso tra la stipula e il perfezionamento dei contratti (in particolare per l'operazione con l'Enpam), più che vendite allo scoperto in senso stretto, appaiono finalizzate a fornire a Sopaf i mezzi finanziari per l'acquisto di 800 quote del Fip dalla società austriaca Immowest a un prezzo estremamente vantaggioso. “
Infatti dato che il pagamento ( da parte ENPAM) è stato fatto il 6 febbraio 2009 e l'operazione perfezionata 34 giorni dopo, il pm Ruta scrive che “e' stato rilevato che Sopaf ha potuto concludere l'operazione con la societa' austriaca solo grazie alle somme anticipate dai citati enti previdenziali (in data 06.02.2009, da parte di Enpam, e in data 03.03.2009, da parte di Inpgi), conseguendo, complessivamente, una plusvalenza pari a 23.586.052 euro”.
Le ipotesi della procura sono estremamente gravi e impongono di valutare la professionalità e la diligenza di tutta la struttura ENPAM che ha deciso e effettuato l'investimento attraverso la SOPAF.
Vogliamo sul caso ENPAM SOPAF FIP dal nostro presidente Alberto Oliveti delle risposte precise, documentate, complete di delibere e due diligence, disponibili a tutti gli iscritti ENPAM.
In particolare il Presidente Alberto Oliveti deve chiarire:
-se era membro della Commissione per la gestione del patrimonio immobiliare che in data 04/12/2008 ha esaminato la proposta Sopaf di acquisto di quote del fondo FIP;
-chi era membro effettivo della Commissione per la gestione del patrimonio immobiliare, quali dirigenti ENPAM membri della Commissione sono ancora in servizio attivo presso l'ENPAM o ENPAM Real Estate e/o i motivi delle eventuali dimissioni;
-se nella relazione della Commissione per la gestione del patrimonio immobiliare presentata al CdA ENPAM in cui si evidenziava la scelta dell'investimento proposto da SOPAF, o nella due diligenge fornita dalla REAG veniva evidenziato il reale valore di mercato (fonte Bloomberg) contrapposto al valore del NAV, e/o gli eventuali motivi per cui tale valore non è mai stato ricercato, né dalla struttura ENPAM, né dal consulente REAG;
-se nelle normali transazioni di valori mobiliari effettuate dall' ENPAM ora e allora il pagamento anticipato ( di 34 giorni, in questo caso) era ed è la regola, oppure è stata una facoltà liberamente scelta dell' allora Presidente, di cui il CdA ENPAM non venne informato.
Franco Picchi
Pietrasanta (LU), 23 maggio 2014
Egregi Colleghi,
si può aderire anche al link sottostante, in questo caso viene anche inviata una mail con la petizione all' ENPAM e al presidente della Commissione Parlamentare

https://www.change.org/it/petizioni/enpam-e-sopaf-fip-vogliamo-sapere-tutto 

franco picchi